PRESENTATA LA VALCAVALLINA SUPERBIKE

Tanti ospiti questa mattina presso la sala conferenze del main sponsor Lovato Electric per la presentazione ufficiale della manifestazione che assegnerà i titoli tricolori marathon 2014. Gli atleti, attesi protagonisti, sottolineano le caratteristiche del tracciato giudicato all’unanimità il più completo, selettivo e tecnico mai visto prima.

Gorle (BG) – Si è svolta questa mattina, presso la sala conferenze dell’azienda Lovato Electric, la presentazione ufficiale della 10ª Valcavallina Superbike Marathon, la manifestazione sportiva dedicata alla mountain bike che l’ormai prossimo 1 giugno sarà sede del Campionato Italiano Marathon 2014. Un evento storico per la Provincia di Bergamo che mai prima ha avuto l’onore di ospitare l’assegnazione dei titoli tricolori, ma anche un importante traguardo per il gruppo della Valcavallina Superbike e tutti gli sponsor e partner tecnici che da anni seguono ed appoggiano il lavoro del presidente Dr.Andrea D’Alessio e del deus ex machina Giancarlo Magri.



Tanti gli ospiti, le autorità, gli atleti ed i rappresentanti dei maggiori media di settore presenti per l’importante cerimonia di presentazione ed, ovviamente, a fare gli onori di casa ci ha pensato l’Amministratore Delegato della Lovato Electric, Massimo Cacciavillani, che ha sottolineato con emozione l’orgoglio d’essere partner di un simile evento: “Essere a fianco della Valcavallina Superbike è per Lovato un motivo di grande orgoglio, sia per l’importanza di ospitare quest’anno i campionati italiani di specialità, sia per il grande lavoro svolto da questo incredibile gruppo che ha come obiettivo principale la promozione del nostro splendido territorio e dello sport.”

Prole di elogio sono poi arrivate dal Vice Presidente Nazionale F.C.I. Michele Gamba, uno dei sostenitori numero uno dell’evento: “Ho sempre creduto molto nel lavoro di Andrea e Giancarlo. Questo territorio, ricco di storia per il ciclismo, nasconde ancora tantissime risorse per la mountain bike. Che questi ragazzi, questo gruppo, siano riusciti a portare a Bergamo il campionato italiano marathon è certamente un risultato storico che sono sicuro aiuterà a sviluppare ed incentivare questa disciplina in un territorio tanto bello e ricco di risorse.”

Ma il raggiungimento del traguardo tricolore, da sempre un sogno nel cassetto per il gruppo della Valcavallina, sarà solamente un punto di partenza, questo l’augurio che il presidente di Axevo Bikes & Components, Mauro Carminati, vuole lanciare a tutti i presenti: “Noi con la nostra azienda siamo nati e cresciuti a fianco della Valcavallina Superbike. Da sempre a fianco sia nell’attività agonistica che nell’attività giovanile siamo ovviamente orgogliosi di questa grande opportunità che domenica 1º giungo farà tappa sui nostri sentieri, sulle nostre montagne. Il nostro augurio è che tutti gli sponsor, la federazione e questo magnifico gruppo di organizzatori ed appassionati, possa da qui partire e trovare nuovo slancio per continuare l’importante lavoro dedicato ad incentivare il movimento della mountain bike e del ciclismo in generale.

A nome di tutto il gruppo della Valcavallina Superbike devo ringraziare Lovato Electric, Axevo Bikes & Components, Caseificio Latini, Rosti e tutti gli sponsor e partner che sino ad oggi ci hanno aiutato e sostenuto - interviene il Dr.Anrdrea D’Alessio - devo ringraziare gli oltre 350 volontari che saranno sul tracciato il giorno della gara e tutte le altre persone che dietro le quinte faranno si che questo evento sia all’altezza delle aspettative. Noi abbiamo fatto il possibile, garantendo servizi, efficienza e sicurezza lungo tutti i chilometri di gara. Ora tocca ai bikers contendersi questo titolo.”

Ma il protagonista per eccezione dell’intera presentazione è stato ancora lui, con i suoi 80km e 3200 mt di dislivello, è il tracciato di gara che sarà contemporaneamente palcoscenico affascinante su cui si vedranno sfilare centinaia di appassionati a caccia del titolo, ma anche il giudice inappellabile che eleggerà i nuovi campioni italiani di specialità. Ad introdurre l’analisi del tracciato c’ha pensato il filmato della ricognizione speciale registrata e realizzata dal canale tematico di Sky, Bike Channel, con un atleta, un campione della due ruote, che nella sua carriera ha collezionato due titoli tricolori, un argento ed un bronzo mondiale, che i sentieri della Valcavallina li conosce bene avendo già scritto due volte il suo nome nell’albo d’oro: Mirko Celestino (Avion Axevo MTB Pro Team).

Dopo il filmato è il momento con l’analisi tecnica dove tutte le caratteristiche, gli orari di partenze e dei cancelli orari, vengono elencate dettagliatamente da Giancarlo Magri che ricorda anche i dati del percorso dedicato al Campionato Italiano riservato alle categorie femminili, 69 km e 2600 mt di dislivello, ma anche il più agevole Classic, 36 km e 1000 mt di dislivello, per quanti cercassero un percorso meno proibitivo ma comunque divertente e completo. Ma a spiegare meglio di chiunque altro, e di qualunque numero, cosa attende i bikers a caccia del tricolore il prossimo 1 giugno, ci hanno pensato alcuni degli atleti èlite, ospiti della conferenza, sicuri protagonisti il giorno della gara.

Con interventi dettagliati, che non lasciano spazio ad alcun tipo d’interpretazione, Marzio Deho (Cicli Olympia), Jonny Cattaneo, Damiano Ferraro e Walter Costa (Selle San Marco Trek), Mirko Celestino e Luca Ronchi (Avion Axevo MTB Pro Team), Daniele Mensi (Scott Racing Team) e Samuele Porro (Silmax X-Bionic) hanno detto la loro incantando il pubblico presente, forti dalla loro esperienza agonistica ma soprattutto delle due ricognizioni ufficiali che negli ultimi mesi li hanno visti protagonisti, assieme a molti altri colleghi e possibili vincitori del titolo, con la nazionale azzurra guidata dal CT Hubert Pallhuber proprio sul tracciato della Valcavallina Superbike.

Marzio Deho: “Conosco bene il tracciato e dico che qua è impossibile fare un pronostico! Qui tutto può succedere, ci sono salite lunghe, pendenze importanti e discese insidiose, l’edizione 2013 ne è stata la prova. Il vincitore lo si scoprirà solo dopo che la moto apripista avrà fatto la curva che immette sul rettilineo d’arrivo, sempre che non sia un arrivo in volata.

Jonny Cattaneo: “Su questo percorso c’è da alzare bene le antenne. Qui i giochi di squadra non esistono, dopo i primi dieci chilometri sarà guerra assicurata e una volta giunti ai piedi della salita del Faeto, l’ascesa che porta ai Colli di S.Fermo dove è posto il primo GPM, beh, ognuno per se e…si salvi chi può!”

Damiano Ferraro: “Il percorso lo conosciamo tutti molto bene quindi c’è da attendersi una grande bagarre. Sicuramente Tony Longo sarà l’uomo da battere visto che è il campione uscente, ma il livello dei candidati alla vittoria è altissimo ed è troppo difficile fare un pronostico.”

Luca Ronchi: “Ho grandi aspettative da questo campionato italiano che per me è come se si corresse sulle strade di casa. L’anno scorso ho portato a casa un terzo posto un po’ amaro quindi spero di potermi rifare, e con un titolo tricolore in palio sarebbe proprio una bella rivincita. Ma sono consapevole non sarà certo facile. Gli avversari sono molto agguerriti anche se io non mi tirerò certo in dietro.”

Mirko Celestino: “Quest’anno non sarò della partita. Non parteciperò alla gara perché i tanti impegni organizzativi e lavorativi mi costringono a saltare un po’ troppi allenamenti. Ma sarà comunque un piacere essere presente e vedere in azione questi giovani ragazzi che lotteranno su di un percorso che reputo tra i più belli e duri di sempre. Qui non basta la gamba. Qui serve tanta concentrazione, lucidità e consapevolezza dei propri mezzi. In poche parole, questa gara si vincerà soprattutto con la testa.

Daniele Mensi: “Il percorso è fantastico e lo spettacolo sarà assicurato, almeno per il pubblico. E’ difficile trovare un punto chiave perché è talmente vasto e ricco d’insidie che ogni metro, ogni curva, può riaprire o chiudere la lotta al titolo. Io ed il mio compagno Juri Ragnoli ce la giocheremo al meglio cercando di riportare la maglia tricolore nel nostro team, ma non sarà una passeggiata.”

Samuele Porro: “Finalmente un percorso degno di un campionato italiano. Salite vere, pendenze significative ma soprattutto discese tecniche e divertenti. Non ricordo d’aver mai corso su di un tracciato marathon tanto completo e selettivo. Qui non basterà fare la differenza in salita. Si dovrà essere sempre freschi e lucidi, soprattutto nella parte finale dove i passaggi tecnici diventeranno sempre più insidiosi man mano ci si avvicinerà al traguardo. Ne vedremo delle belle!”

Ecco dunque il programma per la due giorni che porterà a Grumello del Monte centinaia di appassionati, e decine di campioni, per il Campionato Italiano Marathon 2014.

SABATO 21 MAGGIO

ore 10.00 Apertura area Expo

ore 15.00 Apertura segreteria di gara: Verifica tessere, consegna pettorali e pacchi gara

ore 17.30 Riunione tecnica

ore 18.00 Chiusura segreteria di gara

DOMENICA 1 GIUGNO

ore 06.45 Apertura segreteria di gara: Verifica tessere, consegna pettorali e pacchi gara

ore 08.15 Apertura griglie

ore 09.00 Start Campionato Italiano Marathon 2014

ore 09:15 Start percorso Classic

ore 13.00 Orario previsto arrivo vincitore percorso Marathon

ore 15.00 Inizio cerimonia di premiazione

CANCELLI ORARI SUL PERCORSO

Classic: ore 11.40 in località Sommi - ore 12.15 in località Gandosso

Marathon: ore 13.15 in località Monumento Partigiani - ore 15.30 in località Adrara San Martino


Per restare tutte le info seguite il nostro sito web ufficiale www.valcavallinasuperbike.com oppure la nostra pagina faceboo cliccando “Mi Piace” su Valcavallina Superbike.