Presentazione campionato italiano MX 2014

cam-ita-2014

Siamo alla decima edizione .... e la Valcavallina Superbike sarà la gara in cui si disputerà il Campionato Italiano Marathon 2014! Tanti anni sono passati dal 9 ottobre 2005 quando per la prima volta veniva dato il via a circa 500 atleti che si confrontavano sui sentieri della Val Cavallina contendendosi il primo trofeo. Fin da subito i più grandi nomi della Mountainbike Italiana si sono dati battaglia intorno al San Fermo e negli anni successivi è diventata una classica del Calendario Nazionale.

Il Comitato Organizzatore ha sempre mantenuto un grande entusiasmo e ha cercato di migliorare ogni anno l’evento. E’ nato innanzitutto un gruppo di amici, la cui passione per la bici da montagna, ha unito e affiatato anche nei momenti più difficili. E’ difficile definire volontario chi collabora all’evento, perchè tutti si sentono organizzatori e amici, ognuno da il meglio per organizzare il compito assegnato. La Federazione ha riconosciuto il buon lavoro svolto in questi anni e ha deciso che nel 2014 il Campionato Italiano si correrà a Bergamo per la prima volta. E’ difficile pensare che in questa Città non si sia mai disputato un campionato Italiano. La città dei mille che ha fatto l’Italia e anche la città dei Biker, con il più alto numero di praticanti il furoistrada.

Strana gente il biker bergamaschi, gente generosa, sempre a “tutta” a tirare davanti per competere con gli avversari, ogni tanto un’imprecazione, ma non temono alcun ostacolo, e arrivano sempre in fondo. Imparano a pedalare da piccoli sulle nostre montagne e colline dove non esistono le lunghe strade bianche, ma solo sentieri irti che si inerpicano sui costoni. I nostri antenati non hanno mai pensato quale fosse la strada più facile, ma la più corta per arrivare in cima, bisognava risparmiare il tempo, sempre in competizione con la natura. Così questo territorio è caratterizzato da salite con pendenze elevate o discese mozzafiato, e qui sono nati grandi atleti del passato e del presente di questo sport a partire da Paganessi e Noris, i campioni ridiati Acquaroli, Bramati e Zanchi, , per arrivare ai nostri giorni con Deho, Cattaneo e l’oriundo Celestino....

Il Comitato Organizzatore ha pensato ad una gara che rispecchiasse le caratteristiche del territorio e li spirito della gente di queste valli. E’ nata una gara Marathon dove non ci sarà un secondo di respiro, dove le salite e le discese si alterneranno senza tregua, dove single track collegheranno le varie parti del percorso, dove nulla sarà lasciato al caso e niente sarà più difficile. Una gara difficile non impossibile. Un percorso completo, come è stato richiesto dalla Federazione e dal Ct della Nazionale da percorrere completamente pedalando in sella alla mountain bike. Un percorso degno delle competizioni internazionali, da non sottovalutare, da preparare con attenzione migliorando le proprie capacità ascensionali ma anche tecniche e di guida in discesa. Dove la bike conterà quanto l’atleta perché come dimostrato nel 2013 solo il più forte con il mezzo più affidabile potrà tagliare per primo il traguardo di Grumello del Monte e laurearsi con soddisfazione Campione Italiano Marathon. Sarà una maglia sudata ma indossata con orgoglio dal vincitore. Non una gara qualunque, ma la Valcavallina Superbike.

Tutto a pochi chilometri da Milano e dalle maggiori città del Nord Italia, facilmente raggiungibile dall’autostrada, con un aeroporto, Orio Al Serio, a 10 minuti dal percorso, raggiungibile anche in treno da Bergamo o Brescia. Non servono lunghe ore di strade fuori mano per arrivare a Grumello e per i più non servono lunghi soggiorni fuori casa, non servono spese impossibili per partecipare alla sfida. Semplice arrivare al nastro di partenza, difficile completare la manifestazione. Perché il bello inizia appena dopo i primi metri di asfalto, quando il percorso diviene sterrato per arrampicarsi nei vigneti aprendosi magnifici scenari con viste uniche sulla pianura sottostante, lungo lo spartiacque tra la Valcavallina e la Valcalepio, sui laghi di Endine e d’Iseo. A Grumello guardate colui che alzerà le mani la cielo nel 2014, sarà il biker più forte, il più preparato, il più coraggioso. Non sarà per forza colui che scollinerà per primo sul San Fermo.

Ricordate lo scorso anno dove i primi quattro si sono poi ritirati, ma colui che avrà saputo dosare le forze, prendere il proprio passo, avrà lasciato sfogare gli avversari, e mantenuto la forza e la lucidità per lanciare l’attacco decisivo al tricolore negli ultimi single treck, nelle ultime pendenze, e scendere magistralmente nelle ultime asperità. Guardate poi alla sua bike non sarà la più leggera ma la più affidabile, solo colui che avrà scelto saggiamente il materiale adeguato e messo alla prove lungo le pendenze, i sassi e le rocce di questa valle potrà alzare le mani a Grumello del Monte per primo. Vincerà una coppia il Campione più forte e la bike più affidabile, il connubio innegabile del nostro sport. Sarà difficile guadagnarsi anche la decima maglia nera perché attenti cancelli limiteranno il tempo di gara e solo atleti preparati finiranno la gara. Non vogliamo folle, ma bikers che hanno il cuore per osare, per soffrire e vincere la propria sfida…ne basterebbero 1000.

Questo numero, in questa città porta bene. Se stai pensando di correre la Valcavallina 2014 inizia a prepararti atleticamente, inizia a pianificare il materiale e la tecnica di gara, perchè solo così taglierai il traguardo di Grumello del Monte. Se ha deciso di accettare questa sfida nel magnifico scenario delle Orobie bergamasche, pensa che nulla sarà più difficile. La più dura gara delle Orobie.

 

Andrea D'Alessio - Presidente Valcavallina SuperBike